Come interpretare clinicamente le risposte alle terapie biologiche (a bersaglio molecolare ed immunoterapia)

a cura di Francesco Spagnolo

 

I farmaci a bersaglio molecolare (“targeted therapy”) e l’immunoterapia hanno rivoluzionato il trattamento del melanoma avanzato. Grazie all’utilizzo di questi farmaci è possibile ottenere risposte durature in un elevato numero di pazienti, migliorandone a lungo anche la qualità di vita. Il meccanismo d’azione innovativo di questi farmaci impone un atteggiamento altrettanto innovativo per la valutazione della risposta al trattamento. Al contrario di quanto accadeva con i vecchi regimi di chemioterapia, per i quali ad un aumento delle dimensioni del tumore corrispondeva necessariamente una progressione di malattia e il passaggio ad un’altra linea di terapia, la valutazione della risposta all’immunoterapia e alle terapie a bersaglio molecolare va interpretata da un clinico esperto.

Attualmente, i farmaci immunoterapici meglio studiati ed utilizzati sono l’ipilimumab, in grado di potenziare l’attività T linfocitaria anti-tumorale mediante inibizione del recettore CTLA4 - che fisiologicamente induce uno stato di anergia nei linfociti T - e gli anticorpi immunomodulanti ad attività bloccante l’asse PD-1/PD-L1, il più noto checkpoint inibitorio della risposta immunitaria antitumorale. In corso di trattamento con tali farmaci immunoterapici, un aumento delle dimensioni delle lesioni tumorali non indica necessariamente una progressione di malattia (Figura 1). Si possono infatti osservare risposte anche dopo un’apparente progressione (pseudo-progressione). Le pseudo-progressioni possono verificarsi alla prima rivalutazione (dopo circa 3 mesi dall’inizio della terapia -> pseudo-progressioni precoci) o tardivamente in corso di trattamento (pseudo-progressioni tardive). E’ stato ipotizzato che nel caso delle pseudo-progressioni precoci, le cellule del sistema immunitario possono fare inizialmente aumentare il volume delle lesioni oppure l’attivazione del sistema immunitario può richiedere più tempo: il volume tumorale può quindi inizialmente aumentare per poi regredire una volta che la risposta immunitaria anti-tumorale diventa efficace. Le pseudo-progressioni tardive si possono invece spiegare ipotizzando che gli equilibri tra il sistema immunitario ed il tumore sono processi dinamici e a lungo termine, che possono risultare in un effetto clinico ondulante di regressione e crescita tumorale. In entrambi i casi, è importante che il trattamento non venga sospeso all’iniziale (e apparente) progressione di malattia. Per questo motivo, per intercettare tale beneficio tardivo del trattamento con immunoterapia sono stati formulati criteri specifici per la valutazione della sua attività antitumorale, i cosiddetti criteri di risposta immuno-correlati (Immune Related Response Criteria; irRC). Sulla base di questi nuovi criteri di risposta in pazienti trattati con immunoterapia, la progressione di malattia deve essere confermata ad una rivalutazione strumentale successiva, eseguita ad almeno 4 settimane, indipendentemente dal momento in cui si è osservata la progressione (prima rivalutazione o rivalutazioni successive). Il trattamento va sospeso solo se la progressione di malattia viene confermata. Le risposte atipiche (ossia le risposte osservate dopo un’iniziale progressione di malattia) sono associate ad un miglioramento della sopravvivenza tanto quanto le risposte convenzionali. La sospensione precoce del trattamento all’iniziale progressione di malattia non confermata potrebbe quindi privare alcuni pazienti di ottenere un vantaggio significativo. Studi recenti stanno inoltre indicando che i pazienti con melanoma metastatico che ottengono una remissione completa dopo immunoterapia mantengono, nella maggioranza dei casi, la risposta duratura - anche a distanza di più anni - dopo la sospensione del trattamento, fornendo speranza per la cura stabile in alcuni sottogruppi di pazienti. Ovviamente, i meccanismi alla base della risposta completa duratura richiedono ulteriori indagini, anche al fine di giungere alla identificazione di biomarcatori predittivi in grado di selezionare ab initio i sottogruppi di pazienti responsivi in maniera duratura.

Anche nel caso delle terapie a bersaglio molecolare (come gli inibitori di BRAF mutato e MEK, che sono attualmente somministrati in combinazione per l’ampiamente dimostrato beneficio in sopravvivenza e buon profilo di tollerabilità), la sospensione del trattamento a progressione di malattia può non essere sempre opportuno. E’ stato infatti osservato che i tumori sono eterogenei (per presenza di cellule neoplastiche diverse per caratteristiche molecolari) e in uno stesso paziente possono essere presenti lesioni con comportamento biologico differente: per questo motivo, può succedere che alcune lesioni possono diventare resistenti alla terapia, mentre la maggioranza delle altre continua a regredire. In questi casi può quindi essere opportuno trattare la lesione resistente a livello loco-regionale (per esempio con chirurgia, radioterapia o elettrochemioterapia - attuando un cosiddetto approccio terapeutico integrato) e proseguire la “targeted therapy”, ancora efficace sulle altre sedi di malattia (Figura 2). In diversi studi retrospettivi, si sono osservati migliori risultati nei pazienti che sono stati trattati oltre la progressione (“beyond progression”), rispetto ai pazienti nei quali la terapia è stata sospesa precocemente. Inoltre, trattamenti come la chirurgia possono essere utilizzati per rimuovere eventuali residui di malattia dopo un trattamento con terapie a bersaglio molecolare. Queste terapie producono infatti risposte cliniche nella stragrande maggioranza dei pazienti, ma solo in circa il 15% dei casi queste risposte sono complete. L’asportazione chirurgica, se fattibile, del residuo di malattia in caso di risposta parziale porterebbe all’eliminazione di una potenziale riserva di cellule resistenti, ottenendo il raggiungimento della risposta completa. Questo consente pertanto di dare un ulteriore ruolo alla chirurgia, con finalità curative, in pazienti con malattia metastatica. E’ stato infatti osservato che i pazienti che ottengono la risposta completa sono quelli che ottengono anche la sopravvivenza più a lungo termine e che, in alcuni casi, potrebbero considerarsi guariti. Attualmente, non esiste alcuna evidenza a supporto della sospensione del trattamento con la combinazione degli inibitori di BRAF e MEK dopo risposta completa: il trattamento va quindi continuato fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile. Studi futuri serviranno a definire meglio quale potrebbe essere la durata complessiva del trattamento.

La complessità della gestione delle nuove terapie per il melanoma avanzato, sia a bersaglio molecolare che immunologico, sottolinea l’importanza di rivolgersi a medici specializzati nella cura del melanoma. Inoltre, diventa sempre più evidente la necessità che la decisione terapeutica su ogni singolo caso sia definita nell’ambito di un gruppo o team multidisciplinare, al fine di definire il miglior percorso di trattamento per ciascun paziente.

 

valutazione risposte 1

Figura 1. In corso di terapia a bersaglio immunologico, l’incremento dimensionale di una lesione tumorale non indica necessariamente una progressione di malattia. Le risposte osservate dopo un’iniziale progressione di malattia prendono il nome di “risposte atipiche”. In pazienti trattati con immunoterapia, la progressione di malattia deve quindi essere confermata ad una rivalutazione strumentale successiva, eseguita ad almeno 4 settimane.

 

 

valutazione risposte 2

Figura 2. In corso di terapia con farmaci a bersaglio molecolare, alcune lesioni possono diventare resistenti alla terapia dopo un’iniziale risposta (pannello A) oppure possono comparire nuove localizzazioni (pannello B), mentre le altre continuano a regredire. In questi casi può quindi essere opportuno trattare la lesione resistente a livello loco-regionale e proseguire la “targeted therapy”, ancora efficace sulle altre sedi di malattia.

 

 

Con il contributo incondizionato di 

BMS

 

Vuoi maggiori informazioni su questa tematica?
Contatta i nostri esperti compilando il form sottostante.


Nome(*)
Prego, inserire nome

Cognome(*)
Prego, inserire Cognome

Email(*)
Prego, inserire Email

Conferma Email (*)
Le due Email non coincidono. Per cortesia, verificare. Grazie

Domanda(*)
Prego, inserire qui la domanda

Trattamento Dati(*)

Valore non valido

AntiSpam(*)
Valore non valido


Compilando il modulo e premendo il tasto "invia" si intende dato il consenso al trattamento dei dati in ottemperanza al D.L. n. 196 del 30.06.2003.

Informazioni ai sensi dell'art. 13 D.L. n. 196 del 30.06.2003 in materia di "Tutela dei dati personali"

I dati che Le sono richiesti verranno utilizzati nel pieno rispetto di quanto previsto dal D.L. n. 196 del 30.06.2003 in materia di "Tutela dei dati personali", per gli adempimenti connessi con l'attività dell'azienda (consultazione, utilizzo, elaborazione puntuale e statistica) a mezzo database interno. Ha il diritto, sotto la sua responsabilità , di non confidare alcuni dei dati richiesti, essendo per avvisato che in questo caso ci potrebbe pregiudicare il rapporto in essere. In qualsiasi momento, secondo quanto previsto dall'art.13 del D.L. n. 196 del 30.06.2003, potrà richiedere di consultare, modificare, o cancellare i Suoi dati.


Cerca nel Sito

Utility

oncoinfo

L'informazione nel Melanoma

IMI e Associazioni di Pazienti

Iniziative e informazioni per i pazienti

MIRALMELANOMA

 

Leaflet AppMELANOMI

 

  

09 Melanoma Page 1




scopri come
diventare
un socio IMI

Maggiori dettagli ›

consulta la sezione
con le offerte di lavoro

Clicca qui ›

Questo sito web utilizza i cookie per aiutarci a offrirvi la migliore esperienza di navigazione. Continuando a utilizzare questo portale, acconsentite all'utilizzo da parte nostra di questo strumento.

Per saperne di più su come utilizziamo i cookie e come gestirli vi preghiamo di leggere qui: Per saperne di piu'

Approvo

AVVISO COOKIE

Il nostro sito utilizza i cookie. Potete trovare maggiori informazioni sui cookie, come li usiamo e come controllarli nelle sezioni sottostanti. Utilizzando il presente sito web si accetta l'uso di cookie ai sensi del presente Avviso Cookie.
Se l'utente non volesse avvalersi dell'uso dei cookie è pregato di disattivarli seguendo le istruzioni contenute nel presente avviso in modo che i cookie di questo sito non possano essere salvati sul dispositivo da cui si naviga.

Che cos’è un cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che vengono inviati al pc o al dispositivo utilizzato quando si visita un sito web. I cookie vengono poi re-inviati al sito che li ha creati a ogni visita successiva, o in un altro sito web che riconosce i medesimi cookie.
I cookies agiscono come uno spazio di memoria per un sito web, permettendo al sito di ricordare uno specifico dispositivo durante gli accessi successivi al primo. I cookie possono anche memorizzare le preferenze, l'esperienza dell’utente, nonché personalizzare le pubblicità visualizzate.
Potete trovare ulteriori informazioni sui cookie e su come visualizzare, gestire ed eliminare i cookie presenti sul tuo dispositivo collegandovi al sito www.aboutcookies.org.

Tipi di cookies
Cookie di sessione e persistentiIl sito può far uso di cookie di sessione che permangono sul vostro dispositivo fino al momento in cui si chiude il browser o di cookie permanenti che hanno una durata stabilita per un periodo più lungo di tempo.

Intenti
I cookie del nostro sito web sono usati per uno o più dei seguenti intenti:

Strettamente necessario
Cookie che sono strettamente necessari per fornire all’utente il servizio richiesto.

Prestazioni
Cookie che raccolgono informazioni riguardanti il comportamento degli utenti sul sito. Per esempio quali pagine i visitatori visitano più spesso e se vengono trasmessi messaggi di errore dalle pagine web.

Funzionalità
Cookie che permettono al sito web di ricordare le scelte che l’utente compie (per esempio un nome utente, un linguaggio o la regione) fornendo servizi e caratteristiche tarati sul profilo dell’utente.

Targeting o pubblicitari
I cookie vengono utilizzati per mostrare i messaggi pubblicitari più rilevanti per ciascun utente in base ai singoli interessi. Inoltre sono utilizzati per limitare il numero di volte che un utente visualizza una specifica pubblicità e per misurare l’efficacia di una campagna pubblicitaria.

I cookie di terze parti
Il nostro sito web può consentire a servizi di terzi che appaiono sul sito la generazione di cookie. Questi cookie non sono sotto il nostro controllo. Per ulteriori informazioni su specifici cookie di terze parti, si prega di visitare il relativo sito web.

Come controllare e cancellare i cookie
La maggior parte dei browser accetta i cookie, ma di solito è possibile modificare le impostazioni del browser per rifiutare nuovi cookie, disattivare quelli già esistenti o semplicemente sapere quando ne vengono inviati al dispositivo. Al fine di impostare il browser per rifiutare i cookie, fare riferimento alle istruzioni di “help” messe a disposizione dal fornitore del browser (di solito questa opzione si trova all'interno del menù "Guida", "Strumenti" o "Modifica"). Indicazioni più dettagliate sono disponibili sul sito www.aboutcookies.org.

Nel caso in cui l’utente rifiuti o disabiliti i cookie, alcune delle funzionalità di questo sito web potrebbero non funzionare correttamente. Inoltre, la disattivazione di un cookie o una categoria di cookie non elimina il cookie dal browser. Per procedere con l’eliminazione sarà necessario che l’utente, in autonomia, utilizzi gli appositi strumenti all'interno del proprio browser.

Modifiche all’utilizzo dei cookie
Eventuali modifiche all’utilizzo che facciamo dei cookie in questo sito verranno elencate in questa pagina pubblica e se necessario, segnalate direttamente sulle pagine web del sito evidenziandole.

Informazioni di contatto
Se avete qualsiasi domanda in relazione al presente avviso, vi preghiamo di contattarci all'indirizzo segreteria.melanomaimi@gmail.com